Il termovalorizzatore Linea Ambiente è localizzato in un’area a circa 2 km a sud est del Comune di Cremona. L’impianto è autorizzato allo svolgimento di operazioni di messa in riserva e deposito preliminare (R13 e D15) e alle operazioni di incenerimento (R1 e D10).

È costituito da due linee indipendenti, la prima entrata in esercizio a fine 1997 e l’altra a fine 2001. È autorizzato allo smaltimento di: Rifiuti solidi urbani (componente residuale a valle della raccolta differenziata), Rifiuti speciali e Rifiuti sanitari e costituisce il destino principale dei rifiuti prodotti nel territorio della Provincia di Cremona. L’impianto garantisce il recupero del potenziale energetico dei rifiuti sottoposti a trattamento mediante la produzione di energia termica ed elettrica. Il calore prodotto dalla combustione dei rifiuti costituisce una delle principali risorse energetiche per il servizio di teleriscaldamento della Città di Cremona. Il recupero dell’energia contenuta nei rifiuti consente annualmente di evitare il consumo di circa 8.500/9.000 tonnellate di petrolio equivalenti (TEP), producendo evidenti ricadute positive sull’ambiente.

DATI TECNICI
Principali Dati operativi

N° linee di incenerimento 2 linee indipendenti
Ore di funzionamento annue per ciascuna linea Circa 8.000
PCI rifiuto (min e max) per ciascuna linea 8.000 – 14.000 kJ/kg
Potenzialità autorizzata per rifiuti sanitari 10 t/g (5 t/g per linea)
Rifiuti smaltiti annualmente 70.000-75.000 t/anno
Produzione media annua di energia elettrica 25.000 MWh/anno
Produzione media annua di energia termica per il teleriscaldamento 65.000-70.000 MWh/anno

Principali Tecnologie

Stoccaggio rifiuti in ingresso 1 Fossa di raccolta della capacità di 5.600 m3
Stoccaggio rifiuti sanitari 1 Container dedicato da 40 m3
Tipologia forni 2 Forni a griglia mobile raffreddata ad aria con camera di post combustione.
Tipologia caldaia 2 Caldaie a vapore con recupero del calore dei fumi
Trattamento fumi Linea 1 – iniezione di calce magnesiaca in camera di combustione;

– filtro elettrostatico;

– reattore per abbattimento gas acidi e iniezione di carbone attivo;

– filtro a maniche;

– trattamento catalitico di abbattimento NOx (SCR) con ammoniaca.

Trattamento fumi Linea 2 – trattamento catalitico di abbattimento NOx (SCR high dust) con ammoniaca;

– reattore per abbattimento gas acidi e iniezione di carbone attivo;

– filtro a maniche.

Sezione Energetica elettrica 2 Trasformatori di Tensione e 2 Alternatori per la produzione di energia elettrica
Sezione Energetica termica Sezione di recupero termico per l’alimentazione del teleriscaldamento

MONITORAGGIO AMBIENTALE
Il Termovalorizzatore è dotato di un Piano di Monitoraggio, approvato con Autorizzazione integrata ambientale, che prevede lo svolgimento di rilevazioni in continuo e di analisi periodiche su una serie di matrici ambientali:

  • Emissioni in atmosfera

  • Scarichi idrici

  • Acque sotterranee

  • Rumore

  • Radiazioni ionizzanti (su tutti i rifiuti in ingresso)

  • Rifiuti (in ingresso ed in uscita)

Il monitoraggio in continuo delle emissioni è effettuato mediante lo SME (sistema di monitoraggio delle emissioni) che consente la misurazione e la registrazione delle emissioni stesse. I dati raccolti sono disponibili per la consultazione, da parte di chiunque, attraverso i seguenti Link:


Oltre ai controlli direttamente effettuati da Linea Ambiente, in prossimità dell’impianto è installato un ulteriore presidio di monitoraggio in continuo, costituito dalla stazione per la misura della qualità dell’Aria di Gerre Borghi (frazione di Cremona) controllata da ARPA e che l’Ente, sulla base di quanto disposto dal D.Lgs. 155/2010, ha individuato come stazione della rete di misura regionale.

AUTORIZZAZIONE
L’impianto è in possesso di Autorizzazione Integrata Ambientale (rif. DDS13312/2017 come aggiornata con DDS 2031/2018).

CERTIFICAZIONE
Nel 2012 l’impianto ha ottenuto la certificazione ambientale secondo la norma UNI EN ISO 14001:2004.