Impianto di selezione e cernita di Fombio

 

 

L’impianto, ubicato nel Comune di Fombio (LO), provvede all’esercizio delle operazioni di recupero e/o smaltimento di rifiuti urbani e rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi.
Ha una potenzialità massima di smaltimento e trattamento rifiuti pari a 59.000 tonnellate/anno e circa 200 tonnellate/giorno.
I rifiuti in ingresso vengono sottoposti a selezione e cernita finalizzata all’ottenimento di materiali avviabili a recupero. Tali attività vengono eseguite su platea impermeabilizzata; i materiali in uscita, laddove possibile, vengono sottoposti a riduzione volumetrica grazie all’ausilio di una pressa imballatrice.
Nel capannone principale, che occupa una superficie complessiva di circa 1.200 m2, si svolgono le attività di selezione manuale/ meccanica dei rifiuti mediante nastri trasportatori e aree di cernita; all’interno del capannone è presente un’area attrezzata ad officina per gli automezzi ed alcuni locali di servizio in cui sono localizzati i bagni e gli spogliatoi destinati agli operai, un ufficio, un archivio ed un locale a disposizione.
Il capannone secondario (semplice porticato e quindi privo di tamponatura perimetrale) è realizzato con struttura portante e copertura in cemento armato prefabbricato ed ospita la pressa ed il relativo nastro di carico.
La parte centrale del piazzale è suddivisa in due settori: il primo, più prossimo alla pressa, è dedicato allo scarico del materiale misto in entrata ed alla successiva cernita e suddivisione per tipologia eseguite meccanicamente e/o manualmente; nel secondo viene effettuato lo stoccaggio dei materiali suddivisi per tipologia.
La destinazione finale del materiale gestito è la seguente:

  • consorzi di filiera;
  • recuperatori finali (es. cartiere);
  • discariche;
  • termovalorizzatori

 

Il processo si articola nelle seguenti fasi:

  • arrivo dei mezzi di raccolta e verifica dell’ammissibilità all’impianto da parte del personale del sito;
  • pesatura dei mezzi in ingresso;
  • controllo di conformità della documentazione relativa al carico;
  • scarico e ammasso temporaneo dei rifiuti all’interno dell’impianto in aree definite secondo la tipologia degli stessi;
  • controllo di conformità dei rifiuti rispetto al formulario; selezione e deposito in cassoni/aree separate dei materiali recuperati;
  • riduzione volumetrica mediante pressa idraulica;
  • stoccaggio dei rifiuti selezionati;
  • invio del materiale selezionato all’impianto di destinazione finale;
  • pesatura dei mezzi in uscita.

 


I rifiuti in ingresso al sito, distinti tra materiale da avviare a recupero presso enti terzi e da inviare a smaltimento in discarica/termovalorizzatore, provengono essenzialmente dalla raccolta effettuata nelle piattaforme ecologiche e nei centri di raccolta
comunali e all’interno di attività industriali, nonché dalla raccolta “porta a porta”. La tipologia di materiale in ingresso all’impianto è costituita prevalentemente da:

  • rifiuti destinati a recupero: rifiuti ingombranti, imballaggi in materiali misti, imballaggi in plastica, imballaggi in carta e cartone, scarti di prodotti tessili, legname e ferro;
  • rifiuti destinati a smaltimento: rifiuti ingombranti, materiali derivanti dal trattamento meccanico, imballaggi in materiali misti, rifiuti da demolizione, rifiuti urbani non compostati, rifiuti tessili, materiali plastici.
 
 
 

Indicatore

U.d.M.

2014

2015

2016

Rifiuti in ingresso per trattamento

t

32.679

31.298

31.362

Rifiuti recuperati dopo trattamento

t

15.072

15.852

15.681

Rifiuti recuperati su rifiuti in ingresso

-

46%

51%

50%

 

LINEA AMBIENTE

Linea Ambiente è la società gruppo Linea Group Holding che si occupa della gestione degli impianti di smaltimento, recupero e trattamento dei rifiuti e che deriva dallo scorporo del ramo d'azienda smaltimento rifiuti del Gruppo Cogeme.

Condividi